.

.
Paisani in anda pà a fiera di u Niolu. LC Canniccioni v 1910

31/05/2018

E pò leghja !

E se eiu maladessi l'amori...
Lighjivu i pagini scritti da Lejean, opara santa, e mi pinsava à ciò chi Zi Gattupardu di a Midunetta aviva dettu u ghjornu che nò chjappedemi, à a funtana di a Muneta, à Ghjuvan' Carlu dettu Nabulità cù Maria Stella di i Lianumeddi.
"L'amori ? Un annu di focu e di fiara, tren'anni di cenari..."
Tandu eiu : "O zì, è listessu par u mal' d'amori, sapeti ! Sò anni e anni di disgrazii e anni e anni di fredori."
E Ghjuvan'Carlu a cantà quiddu ghjornu, in la sò lingua, mi n'invengu ancu sempri:

"E par amar' à tia,
Sogu surdu e muttu,
Pattu più che nun patti,
Un dannatu,
Stò ind'i l'infernu,
E ti dumandu aiutu !"*



DaRobert Benson, Sketches of Corsica; Or, A Journal Written During a Visit to that Island, p151, London 1825.